RICOMINCIARE DA RIVOLUZIONE CIVILE (reloaded)

644734_10200685752617350_345506376_n

Quello che ha spinto alla nascita di Rivoluzione Civile è qualcosa che non esclude in sè il segno di superare le contraddizioni dimostrate durante la formazione di questo nuovo Movimento: c’è stata molta confusione, errori e anche verticismi, ma questo non vuol dire che cercare di creare un movimento dal basso (questo era l’input iniziale) sia sbagliato, anzi oggi è forse l’unica soluzione

Nel nostro programma erano presenti moltissime proposte uguali a quelle del M5S eppure i voti sono andati a loro e non a noi. Questo ci deve far riflettere e riorientare il nostro intervento, che non vuol dire “imitare” il grillismo, ma cercare di recuperare il disagio sociale senza lasciarlo a personaggi come Grillo e Casaleggio.

 L’entusiasmo iniziale c’è stato. Io stesso pur essendo da sempre simpatizzante e votante di Rifondazione mi ero da tempo defilato da una politica strettamente militante, anche se mi sono impegnato sempre sulle lotte nella scuola, dove lavoro, e nelle varie crisi politiche e non mi sono mai disinteressato, scendendo sempre in piazza , infervorandomi su tutte le questioni politiche degli ultimi anni, portando in musica le mie idee, impegnandomi nell’Anpi, ecc. C’è voluto l’insieme dei movimenti come ad esempio Cambiare Si Può a farmi tornare a spendermi in prima persona per una politica attiva. Per questo dico di “sentire” che quella è la strada giusta.

L’esperienza di Rivoluzione Civile per molti, soprattutto estranei alla militanza, è stata soprattutto l’esperienza dell’entusiasmo, del bisogno di una politica svecchiata da tante cose che devono essere adeguate al momento storico, con una grande voglia di “unità a sinistra”.

 La politica è una metodologia, non un manuale di istruzioni, va applicata alla realtà del momento storico. Allora Rivoluzione Civile va rivista, si possono cambiare le persone, cambiare i metodi decisionali, intensificare l’attività in rete e la presenza nei posti di lavoro, rimodularne la struttura organizzativa, correggere gli errori, in parte dovuti anche alla “fretta” elettorale, ma non possiamo buttare via il bambino con l’acqua sporca, voglio dire buttare via l’entusiasmo di un nuovo modo di fare politica e di rapportarsi con i problemi sociali.  Per poi fare poi cosa? Per tornare al passato? La mia idea è di ripartire da qui.

 Ritrovarci sulla base dei punti condivisi che già ci sono e cercare di superare gli errori, incontrandoci di nuovo in assemblee in tutta Italia e andare avanti.

 

 Gli errori si possono sempre correggere sulla base dell’esperienza, ma l’idea di una formazione come Rivoluzione Civile che si batte contro avversari comuni e per gli stessi obiettivi al di là delle diverse anime, nell’ottica di un’unità a sinistra, resta per me l’unica strada percorribile e da percorrere anche in tempi relativamente brevi.

Io ci credo ancora e ci sto.

Annunci

Informazioni su Gian Luigi Ago

E' tra i soci fondatori dell'Associazione politica "Primalepersone". Dal 2009 è Presidente dell'Associazione Culturale "Il vizio del pensiero" di cui gestisce il sito web www.ilviziodelpensiero.it sito di riflessione e informazione culturale e artistica. Come cantautore ha composto alcune canzoni che hanno come riferimento la tradizione della canzone d’autore. Nell'ottobre 2011 ha realizzato il cd-demo"Verso le barricate del futuro" contenente sette sue composizioni inedite. Sta lavorando a un album dal titolo "Dopostoria" Nel 2013 ha rappresentato, insieme a Claudia Bellucci, l'Italia al Festival Europeo della Canzone d'Autore svoltosi a Vilnius, organizzato dal Ministero della Cultura della Lituania. Insieme a Claudia Bellucci ha realizzato il sito web "Poesia come eresia", sito ufficiale del poeta pesarese Gianni D'Elia. http://www.giannidelia.altervista.org/ Si interessa di teatro, letteratura, musica d’autore italiana, sulla quale ha condotto diverse trasmissioni radiofoniche monografiche su emittenti regionali. Ha pubblicato sul web diversi interventi tematici e critici legati alla musica d’autore. Insieme a Claudia Bellucci e Eugenio Alfano ha realizzato la “Lezione-spettacolo sul Teatro Canzone di Gaber e Luporini”, un’analisi approfondita della genesi, dei meccanismi, delle tematiche, dei riferimenti letterari, filosofici, storici e sociologici che hanno attraversato gli spettacoli di Gaber; la Lezione-spettacolo è stata tenuta in Università, Scuole Superiori, Auditorium, Circoli culturali e Teatri. E’ autore di poesie e monologhi, tra cui quelli dello spettacolo “In direzione ostinata e contraria”, dedicato a Fabrizio De Andrè, realizzato e portato in scena, sotto la sua direzione artistica, insieme a Giulio D'Agnello. Ha scritto lo spettacolo "La stessa rabbia, la stessa primavera" dedicato a Fabrizio De Andrè, portato in scena con il cantautore Massimo Blaco, Claudia Bellucci e Veronica Balzani. Ha realizzato e portato in scena, insieme a Claudia Bellucci, Massimo Blaco e Pino Nastasi, il concerto "Appunti sulla canzone d'autore" con canzoni di musica d'autore italiana Ha realizzato con il gruppo “Compagni di viaggio”, con cui collabora come cantante e chitarrista, lo spettacolo “I sentieri di Utopia” con canzoni di lotta, impegno e speranza e il concerto "No, è un ukulele" con classici della canzone arrangiati per ukulele. E’ presente su Facebook, Twitter e Myspace con il suo account personale e con quello dell’Associazione Culturale “Il vizio del pensiero” Sito web personale: www.agocanzonedautore.altervista.org CONTATTI: Email: ago.gianluigi@libero.it Vedi tutti gli articoli di Gian Luigi Ago

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: