DAL “VOTO UTILE” ALL’UNITA’ DELLA SINISTRA

922110_10201018212568641_1773709808_o

In quasi tutte le analisi politiche, anche da sinistra, ci si è quasi scordati del “voto utile”… Il PD e Vendola spingevano al voto utile dato alla coalizione di centro-sinistra adducendo come motivazione quella di fermare Berlusconi.

Ovviamente si sapeva che non era quello il motivo, anche perchè Bersani lo aveva detto chiaramente: “Se anche avessi il 51% farei come se avessi il 49%” cioè l’alleanza con Monti per avere anche un benevolo appoggio esterno di Berlusconi. Che il PD avesse scelto una linea tendente al liberismo era evidente anche dal suo stesso programma: sì alla Tav, no all’art.18, sì agli F35, sì al pareggio in bilancio, no ai diritti di genere, ecc.

A questo punto la domanda sorgeva spontanea: perchè Sel sta in quella coalizione pur avendo un programma diverso (sì alla Tav, sì ai diritti di genere, ecc.)? La giustificazione era sempre la solita: fermare Berlusconi e spingere più a sinistra il PD. Inutile obiettare che il PD aveva la maggioranza nella coalizione e il patto da loro firmato imponeva a Sel, in caso di dissenso su qualche provvedimento, a seguire la maggioranza o ad uscire dalla coalizione. Pura utopia pensare che un PD che dichiarava apertamente di volersi alleare con Monti, potesse essere spinto a politiche così di “estrema sinistra” come quelle di Sel. Inutile anche dire che a questo punto sarebbe stato meglio schierarsi insieme a Rivoluzione Civile in una coalizione alternativa al PD e di sinistra in modo di poter avere poi, in caso di elezione, un potere di opposizione maggiore. Ma da questo orecchio Sel non ci sentiva e mi dispiace dire che evidentemente lo scopo era di riuscire ad andare in Parlamento comunque e l’alleanza col PD permetteva (come poi è stato) di entrare in Parlamento anche se lontana dal 4%.

Ecco il perché del propagandare il “voto utile” addirittura affermando che chi non votava per la coalizione PD-Sel avrebbe di fatto dato più possibilità di vittoria a Berlusconi, cosa oltretutto non vera nemmeno in base alla legge elettorale, perché una frammentazione di voti a più formazioni al Senato avrebbe impedito di concentrare i voti sul PDL.

Ora, a nemmeno due mesi dalle elezioni, Sel si accorge (o finge di accorgersene ora…) che il PD non vuole una politica di sinistra ma le larghe intese, come se non si sapesse da prima e quindi si libera dall’abbraccio mortale (visto che ormai è entrata in Parlamento  ). In ogni caso Sel ha sbagliato: nella peggiore delle ipotesi per calcolo in malafede, nella migliore per miopia politica. Il “voto utile” ci ha portato a questa situazione di “larghe intese”: era utile a Berlusconi e non a fermarlo..

Sarebbe forse successo comunque, ma senza il “voto utile” ci sarebbe stata in Parlamento una sinistra più forte e numerosa.
Ora Sel scopre quello che Ingroia diceva da quando è entrato in politica: la necessità di creare una Sinistra forte e unita. Bene, scordiamoci il passato. Il nostro progetto ora viene propugnato anche da Sel. Ci fa piacere perché è il segnale di una diffusa necessità di muoversi nella stessa direzione.

Noi di Azione Civile guardiamo con interesse a queste iniziative e continuiamo a perseguire il nostro progetto di un nuovo soggetto politico di Sinistra Unita di cui ci faremo promotori col nostro Movimento.
Siamo chiaramente disponibili a confrontarci con chiunque sulla possibilità di intraprendere il percorso insieme, sperando che questo di Vendola sia finalmente un vero “ravvedimento” e non solo un tentativo di sopravvivenza politica. Siamo abituati a dare credito, fino a prova contraria, a chiunque proponga delle iniziative sulla nostra lunghezza d’onda.

Azione Civile non nasce per essere un ulteriore partito della Sinistra ma, all’opposto, per superare le frammentazioni: il nostro è un programma di sinistra anti liberista di governo e ci proponiamo come forza promotrice di un più ampio percorso costituente verso un possibile nuovo soggetto politico che unisca la Sinistra sulla base di piattaforme coerenti con le nostre. Gli errori fatti nell’esperienza elettorale di Rivoluzione Civile ci sono serviti per mutare la struttura del nostro movimento e siamo pronti ad impegnarci più determinati di prima verso un progetto politico di sostanziale cambiamento.

Adelante!!!

Annunci

Informazioni su Gian Luigi Ago

E' tra i soci fondatori dell'Associazione politica "Primalepersone". Dal 2009 è Presidente dell'Associazione Culturale "Il vizio del pensiero" di cui gestisce il sito web www.ilviziodelpensiero.it sito di riflessione e informazione culturale e artistica. Come cantautore ha composto alcune canzoni che hanno come riferimento la tradizione della canzone d’autore. Nell'ottobre 2011 ha realizzato il cd-demo"Verso le barricate del futuro" contenente sette sue composizioni inedite. Sta lavorando a un album dal titolo "Dopostoria" Nel 2013 ha rappresentato, insieme a Claudia Bellucci, l'Italia al Festival Europeo della Canzone d'Autore svoltosi a Vilnius, organizzato dal Ministero della Cultura della Lituania. Insieme a Claudia Bellucci ha realizzato il sito web "Poesia come eresia", sito ufficiale del poeta pesarese Gianni D'Elia. http://www.giannidelia.altervista.org/ Si interessa di teatro, letteratura, musica d’autore italiana, sulla quale ha condotto diverse trasmissioni radiofoniche monografiche su emittenti regionali. Ha pubblicato sul web diversi interventi tematici e critici legati alla musica d’autore. Insieme a Claudia Bellucci e Eugenio Alfano ha realizzato la “Lezione-spettacolo sul Teatro Canzone di Gaber e Luporini”, un’analisi approfondita della genesi, dei meccanismi, delle tematiche, dei riferimenti letterari, filosofici, storici e sociologici che hanno attraversato gli spettacoli di Gaber; la Lezione-spettacolo è stata tenuta in Università, Scuole Superiori, Auditorium, Circoli culturali e Teatri. E’ autore di poesie e monologhi, tra cui quelli dello spettacolo “In direzione ostinata e contraria”, dedicato a Fabrizio De Andrè, realizzato e portato in scena, sotto la sua direzione artistica, insieme a Giulio D'Agnello. Ha scritto lo spettacolo "La stessa rabbia, la stessa primavera" dedicato a Fabrizio De Andrè, portato in scena con il cantautore Massimo Blaco, Claudia Bellucci e Veronica Balzani. Ha realizzato e portato in scena, insieme a Claudia Bellucci, Massimo Blaco e Pino Nastasi, il concerto "Appunti sulla canzone d'autore" con canzoni di musica d'autore italiana Ha realizzato con il gruppo “Compagni di viaggio”, con cui collabora come cantante e chitarrista, lo spettacolo “I sentieri di Utopia” con canzoni di lotta, impegno e speranza e il concerto "No, è un ukulele" con classici della canzone arrangiati per ukulele. E’ presente su Facebook, Twitter e Myspace con il suo account personale e con quello dell’Associazione Culturale “Il vizio del pensiero” Sito web personale: www.agocanzonedautore.altervista.org CONTATTI: Email: ago.gianluigi@libero.it Vedi tutti gli articoli di Gian Luigi Ago

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: