APERTURA MENTALE E POLITICA

Apertura mentale

C’è un elemento prioritario oggi in politica: l’apertura mentale ovvero il saper andare oltre le solite usurate soluzioni e intraprendere con coraggio nuove strade.

Comincia per fortuna a farsi lentamente strada la necessità di andare oltre le solite alleanze di partiti attuate con scelte calate dall’alto dopo accordi tra i soliti leader.
La soluzione giusta però non è ancora nemmeno quella prospettata in questi giorni da Rodotà e Landini, anche se con importanti spunti di riflessione.
Questo in quanto le loro intenzioni tendono a cambiare gli attori delle alleanze senza far altro però che sostituire i partiti con pezzi di sindacato (come la Fiom di Landini) oppure associazioni (come Libera di Don Ciotti).
Ma il metodo è identico e sempre calato dall’alto con leader di riferimento.

In una società mitridatizzata da anni di berlusconismo, grillismo e oggi renzismo, i miti del leader, dell’uomo solo al comando che attira le masse insieme al culto dell’immagine sono duri a morire e si fa fatica a capire che anche quelli sono stati elementi di deterioramento e non esempi di come acquisire consenso che non sia effimero e destinato a finire insieme ai leader.

Non serve quindi cercare chi sia il Tsipras italiano ma piuttosto mettere in pratica veri coinvolgimenti della base sociale e non delle “entità” a cui appartengono.
Il futuro soggetto politico nuovo non può che nascere da un percorso fatto da individui e non da leader o da partiti.

Certo, serve un’organizzazione che incanali questo percorso ma questa deve nascere dalla base e con metodi totalmente democratici e trasparenti e ogni decisione deve salire dalla base verso chi coordina (e non guidi) l’organizzazione.

L’attuale forma partito è superata, non si può continuare a concepire la politica come un accordo di leader di partito, non si può pensare a strutture con segreterie nazionali, con congressi, delegati e cose simili, ancora di stampo ottocentesco.
E questo perché la società è cambiata, il corpo sociale è diverso da come era ancora un paio di anni fa.

Oggi serve creare le basi per la nascita di un fronte popolare unitario (non federativo o di coalizione).
Alcuni di noi ci stanno provando, auspicando di mettersi al più presto da parte quando il fronte potrà camminare da solo facendo esaurire il loro ruolo di facilitatori di questo processo.
Solo con questa funzione può ancora avere senso pro tempore un movimento che non tenda a rafforzarsi a scopi identitaristici e autoreferenziali, ma che si ponga come stimolo ad andare verso un inevitabile futuro scioglimento in un fronte unitario e inclusivo.

Chi invece ancora pensa di stabilire egemonia, di mantenere in eterno vecchie e plurime strutture con metodi vecchi e fallimentari, ancora non si è liberato di un’ abitudine alla pratica politica che è ormai fine a se stessa e che non può portare a nessun progresso nella strada antiliberista e verso un vero cambiamento.
La strada indicata da Syriza ma ancor più nettamente, per metodi e mentalità, da Podemos è l’esempio di come agire, pur nelle grandi differenze con l’Italia.

Uscire dalla gabbia del vecchio politicismo è oggi un dovere e comporta, come dicevo all’inizio, una grande apertura mentale che bisogna necessariamente avere o sforzarsi di ricercare, pena il ritardare, se non bloccare, il processo verso la costituzione di reali e concrete alternative allo stato delle cose.

Gian Luigi Ago

Annunci

Informazioni su Gian Luigi Ago

E' tra i soci fondatori dell'Associazione politica "Primalepersone". Dal 2009 è Presidente dell'Associazione Culturale "Il vizio del pensiero" di cui gestisce il sito web www.ilviziodelpensiero.it sito di riflessione e informazione culturale e artistica. Come cantautore ha composto alcune canzoni che hanno come riferimento la tradizione della canzone d’autore. Nell'ottobre 2011 ha realizzato il cd-demo"Verso le barricate del futuro" contenente sette sue composizioni inedite. Sta lavorando a un album dal titolo "Dopostoria" Nel 2013 ha rappresentato, insieme a Claudia Bellucci, l'Italia al Festival Europeo della Canzone d'Autore svoltosi a Vilnius, organizzato dal Ministero della Cultura della Lituania. Insieme a Claudia Bellucci ha realizzato il sito web "Poesia come eresia", sito ufficiale del poeta pesarese Gianni D'Elia. http://www.giannidelia.altervista.org/ Si interessa di teatro, letteratura, musica d’autore italiana, sulla quale ha condotto diverse trasmissioni radiofoniche monografiche su emittenti regionali. Ha pubblicato sul web diversi interventi tematici e critici legati alla musica d’autore. Insieme a Claudia Bellucci e Eugenio Alfano ha realizzato la “Lezione-spettacolo sul Teatro Canzone di Gaber e Luporini”, un’analisi approfondita della genesi, dei meccanismi, delle tematiche, dei riferimenti letterari, filosofici, storici e sociologici che hanno attraversato gli spettacoli di Gaber; la Lezione-spettacolo è stata tenuta in Università, Scuole Superiori, Auditorium, Circoli culturali e Teatri. E’ autore di poesie e monologhi, tra cui quelli dello spettacolo “In direzione ostinata e contraria”, dedicato a Fabrizio De Andrè, realizzato e portato in scena, sotto la sua direzione artistica, insieme a Giulio D'Agnello. Ha scritto lo spettacolo "La stessa rabbia, la stessa primavera" dedicato a Fabrizio De Andrè, portato in scena con il cantautore Massimo Blaco, Claudia Bellucci e Veronica Balzani. Ha realizzato e portato in scena, insieme a Claudia Bellucci, Massimo Blaco e Pino Nastasi, il concerto "Appunti sulla canzone d'autore" con canzoni di musica d'autore italiana Ha realizzato con il gruppo “Compagni di viaggio”, con cui collabora come cantante e chitarrista, lo spettacolo “I sentieri di Utopia” con canzoni di lotta, impegno e speranza e il concerto "No, è un ukulele" con classici della canzone arrangiati per ukulele. E’ presente su Facebook, Twitter e Myspace con il suo account personale e con quello dell’Associazione Culturale “Il vizio del pensiero” Sito web personale: www.agocanzonedautore.altervista.org CONTATTI: Email: ago.gianluigi@libero.it Vedi tutti gli articoli di Gian Luigi Ago

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: