I VECCHI FERRI DEL MESTIERE

museo-vecchi-mestieri
Il concetto base per poter pensare seriamente alla nascita futura di un soggetto politico realmente alternativo in grado di governare il Paese è quello dell’auto-organizzazione e auto-rappresentanza politica del sociale.

Capisco l’abitudine a ragionare nei termini con cui per decenni vari abbiamo fatto politica ma la politica è lettura della realtà e ricerca di strategie cogenti con essa.
Soprattutto chi faceva politica come me, già negli anni ’60 e ’70, tende a cadere in questi schemi che poco hanno della pratica politica che non può essere mai dogmatismo ma metodologia.
Oggi la realtà è mutata rispetto a dieci, vent’anni fa, ma anche rispetto all’anno scorso.

Il vecchio armamentario politico non funziona più ma spesso abbiamo una coazione a ripetere che deriva dall’avere consciamente o meno introiettato alcune pratiche come “i ferri del mestiere” unici e indispensabili.

Così parole come unità della sinistra, federatività, proposte e programmi da presentare per ricerca del voto, struttura partitica, ecc. sono quelle a cui si ricorre quasi automaticamente, non perchè la lettura della realtà ce le faccia emergere come necessarie ma perchè per “fare politica” siamo abituati a questi metodi.

Così come ci sembrano necessari convegni, deleghe, tessere, ecc. e un po’ come la volpe con l’uva rifiutiamo a priori qualsiasi novità, vista come spontaneismo, virtualità (nell’accezione deteriore del termine), antipolitica.

Oggi l’unica antipolitica è quella di ostinarsi a ripetere le formule passate nonostante siano fallite più volte, usando gli stessi metodi che usano quelli che critichiamo e pensando che solo una differenza di contenuti o una semplice maggiore “democraticità” applicata a vecchie strutture possa darci risultati diversi da quelli fallimentari del passato.
Ragioniamo come se nella società nulla fosse cambiato e per cercare un’alternativa la prima cosa che ci viene in mente è quella di fare un nuovo partito unitario.

Si perde di vista il percorso che oggi, purtroppo e non per scelta, non può che essere lungo e difficile.
Questi tentativi non solo sono inutili ma dannosi, in quanto producendo nuovi fallimenti aumenteranno ancora di più il distacco dalla politica, la delusione, l’astensione.

Oggi non servono partiti con proposte credibili, programmi seri, persone capaci che si propongano all’elettorato come alternativa.
E’ l’elettorato stesso che deve farsi “organizzazione politica” senza avere un’organizzazione “altra da sé” a cui affidare il ruolo politico.
Politico e sociale non possono che essere la stessa cosa nel momento in cui sono le parti sociali, nel loro incontrarsi, a farsi “politiche”.
Ogni altro tentativo di riverniciatura dei vecchi ferri del mestiere è fallimentare.

Gian Luigi Ago

Annunci

Informazioni su Gian Luigi Ago

E' tra i soci fondatori dell'Associazione politica "Primalepersone". Dal 2009 è Presidente dell'Associazione Culturale "Il vizio del pensiero" di cui gestisce il sito web www.ilviziodelpensiero.it sito di riflessione e informazione culturale e artistica. Come cantautore ha composto alcune canzoni che hanno come riferimento la tradizione della canzone d’autore. Nell'ottobre 2011 ha realizzato il cd-demo"Verso le barricate del futuro" contenente sette sue composizioni inedite. Sta lavorando a un album dal titolo "Dopostoria" Nel 2013 ha rappresentato, insieme a Claudia Bellucci, l'Italia al Festival Europeo della Canzone d'Autore svoltosi a Vilnius, organizzato dal Ministero della Cultura della Lituania. Insieme a Claudia Bellucci ha realizzato il sito web "Poesia come eresia", sito ufficiale del poeta pesarese Gianni D'Elia. http://www.giannidelia.altervista.org/ Si interessa di teatro, letteratura, musica d’autore italiana, sulla quale ha condotto diverse trasmissioni radiofoniche monografiche su emittenti regionali. Ha pubblicato sul web diversi interventi tematici e critici legati alla musica d’autore. Insieme a Claudia Bellucci e Eugenio Alfano ha realizzato la “Lezione-spettacolo sul Teatro Canzone di Gaber e Luporini”, un’analisi approfondita della genesi, dei meccanismi, delle tematiche, dei riferimenti letterari, filosofici, storici e sociologici che hanno attraversato gli spettacoli di Gaber; la Lezione-spettacolo è stata tenuta in Università, Scuole Superiori, Auditorium, Circoli culturali e Teatri. E’ autore di poesie e monologhi, tra cui quelli dello spettacolo “In direzione ostinata e contraria”, dedicato a Fabrizio De Andrè, realizzato e portato in scena, sotto la sua direzione artistica, insieme a Giulio D'Agnello. Ha scritto lo spettacolo "La stessa rabbia, la stessa primavera" dedicato a Fabrizio De Andrè, portato in scena con il cantautore Massimo Blaco, Claudia Bellucci e Veronica Balzani. Ha realizzato e portato in scena, insieme a Claudia Bellucci, Massimo Blaco e Pino Nastasi, il concerto "Appunti sulla canzone d'autore" con canzoni di musica d'autore italiana Ha realizzato con il gruppo “Compagni di viaggio”, con cui collabora come cantante e chitarrista, lo spettacolo “I sentieri di Utopia” con canzoni di lotta, impegno e speranza e il concerto "No, è un ukulele" con classici della canzone arrangiati per ukulele. E’ presente su Facebook, Twitter e Myspace con il suo account personale e con quello dell’Associazione Culturale “Il vizio del pensiero” Sito web personale: www.agocanzonedautore.altervista.org CONTATTI: Email: ago.gianluigi@libero.it Vedi tutti gli articoli di Gian Luigi Ago

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: