La corsa ad attuare la Costituzione…

base-sito

Fuorviati da una sopravvalutazione del risultato referendario, quasi tutti stanno vedendo nel tema Costituzionale  il veicolo capace di portare al riscatto della Sinistra e dintorni e alla creazione di una nuova forza di alternativa.

Se il tema di ripartire dalla Costituzione ha senz’altro un suo fondamento innegabile, non lo ha però la molteplicità delle proposte che fioriscono da più parti.
E assistiamo così a diverse proposte tutte sullo stesso tema e tutte che cercano l’unità con la base sociale, ognuna però intorno alla proprie proposte e ognuna con leggere differenze dalle altre.
E quindi assistiamo, mutati mutandis, a quello che è sempre accaduto a Sinistra, cioè a diversi partiti, movimenti, personalità che chiedono l’unità, però tutti lanciando e facendosi promotori e portavoce di un “loro” appello all’unità:

Abbiamo così:
Fratoianni di Sinistra Italiana, che ancor prima del referendum, il 2 dicembre,  ha lanciato, in un articolo, su “Il Manifesto” la proposta di unire la “Sinistra del NO”;

Azione Civile che, nella sua Assemblea Nazionale del 9-11 dicembre, ha proposto di ripartire dai Comitati del NO trasformati in Comitati per la difesa e attuazione della Costituzione, trovando l’interesse dello stesso Fratoianni (che appunto lo aveva già proposto) e del Governatore PD della Puglia Michele Emiliano;

Domenico Gallo, Alfiero Grandi e Mauro Breschi che hanno indetto a Roma per il 21 Gennaio un incontro nazionale dei “Comitati del NO”;

Paolo Maddalena che il giorno dopo, il 22 Gennaio, a Roma proporrà il “Progetto per l’attuazione della Costituzione

L’Altra Europa che propone di dar vita a un vero e proprio “Movimento per l’attuazione della Costituzione”.

E sorvolo su altre Costituenti  come il Diem 25 con Varoufakis e il PlanB a cui partecipano diversi movimenti, Stefano Fassina ed esponenti del PRC come la deputata europea Forenza.

Se è positivo questo attivismo di ripartenza dopo il Referendum, ci sono però delle cose da precisare: una l’abbiamo detta prima, parlando della molteplicità di proposte, tutte concentrate nel mese di Gennaio e tutte che provengono da promotori diversi.
E’ poi limitativo parlare di “attuazione” della Costituzione.
Infatti solo una parte va attuata, ma altre parti andrebbero riviste.

Per esempio l’art. 81, andrebbe riportato semmai alla sua stesura originale; dovrebbe essere modificato l’errato termine di “razza” contenuto nell’art. 3;
dovrebbero essere modificati i concetti di “famiglia e matrimonio” contenuti nell’art.29;
dovrebbe essere superato il concetto di “delega in bianco”;
dovrebbero essere estesi ulteriormente gli esigui spazi di democrazia diretta contenuti nella Costituzione;
dovrebbe essere introdotto il termine di “bene comune”, ecc. ecc. ecc.

C’è poi la sopravvalutazione di cui dicevamo all’inizio.
Pensare che tutti coloro che hanno votato NO siano interessati a questo progetto è fuorviante; molti di essi sono di destra, altri hanno votato solo contro Renzi, altri contro alcune leggi del governo che li toccavano di persona, altri per ribellione al ceto politico, e così via.

Ritengo illusorio anche pensare che questo terreno di coltura dell’alternativa possa nascere in alcuni di questi luoghi dove sono di fatto predominanti strutture e persone legate al PD.

D’accordo quindi a mantenere attivi i vari Comitati del NO per difendere e vigilare sulla Costituzione da possibili futuri attacchi, ma non possono essere  queste strutture a fare da incubatrice a una vera ricomposizione della base sociale, e ancor di più se ciò avviene, come sempre, attraverso  appelli da parte di partiti, movimenti, personalità politiche, intellettuali e costituzionali.

Una nuova forza di alternativa può nascere solo da un confronto che parta e si svolga nei territori, in luoghi neutri, tra la base sociale stessa, con assemblee paritarie aperte a tutti come individui, e che si svolgano nella completa orizzontalità.

Illusorio, utopistico e fuori dall’analisi della realtà attuale anche il pensare  più prosaicamente a mantenere ancora la base sociale nella condizione di bacino elettorale costituendo un’ennesima coalizione unitaria che possa essere competitiva alle prossime elezioni.

Credo che ci si stia mettendo su una strada sbagliata e si perda un’altra occasione storica di riportare alla politica attiva e alla partecipazione concreta quanti se ne solo allontanati.

Gian Luigi Ago

Annunci

Informazioni su Gian Luigi Ago

E' tra i soci fondatori dell'Associazione politica "Primalepersone". Dal 2009 è Presidente dell'Associazione Culturale "Il vizio del pensiero" di cui gestisce il sito web www.ilviziodelpensiero.it sito di riflessione e informazione culturale e artistica. Come cantautore ha composto alcune canzoni che hanno come riferimento la tradizione della canzone d’autore. Nell'ottobre 2011 ha realizzato il cd-demo"Verso le barricate del futuro" contenente sette sue composizioni inedite. Sta lavorando a un album dal titolo "Dopostoria" Nel 2013 ha rappresentato, insieme a Claudia Bellucci, l'Italia al Festival Europeo della Canzone d'Autore svoltosi a Vilnius, organizzato dal Ministero della Cultura della Lituania. Insieme a Claudia Bellucci ha realizzato il sito web "Poesia come eresia", sito ufficiale del poeta pesarese Gianni D'Elia. http://www.giannidelia.altervista.org/ Si interessa di teatro, letteratura, musica d’autore italiana, sulla quale ha condotto diverse trasmissioni radiofoniche monografiche su emittenti regionali. Ha pubblicato sul web diversi interventi tematici e critici legati alla musica d’autore. Insieme a Claudia Bellucci e Eugenio Alfano ha realizzato la “Lezione-spettacolo sul Teatro Canzone di Gaber e Luporini”, un’analisi approfondita della genesi, dei meccanismi, delle tematiche, dei riferimenti letterari, filosofici, storici e sociologici che hanno attraversato gli spettacoli di Gaber; la Lezione-spettacolo è stata tenuta in Università, Scuole Superiori, Auditorium, Circoli culturali e Teatri. E’ autore di poesie e monologhi, tra cui quelli dello spettacolo “In direzione ostinata e contraria”, dedicato a Fabrizio De Andrè, realizzato e portato in scena, sotto la sua direzione artistica, insieme a Giulio D'Agnello. Ha scritto lo spettacolo "La stessa rabbia, la stessa primavera" dedicato a Fabrizio De Andrè, portato in scena con il cantautore Massimo Blaco, Claudia Bellucci e Veronica Balzani. Ha realizzato e portato in scena, insieme a Claudia Bellucci, Massimo Blaco e Pino Nastasi, il concerto "Appunti sulla canzone d'autore" con canzoni di musica d'autore italiana Ha realizzato con il gruppo “Compagni di viaggio”, con cui collabora come cantante e chitarrista, lo spettacolo “I sentieri di Utopia” con canzoni di lotta, impegno e speranza e il concerto "No, è un ukulele" con classici della canzone arrangiati per ukulele. E’ presente su Facebook, Twitter e Myspace con il suo account personale e con quello dell’Associazione Culturale “Il vizio del pensiero” Sito web personale: www.agocanzonedautore.altervista.org CONTATTI: Email: ago.gianluigi@libero.it Vedi tutti gli articoli di Gian Luigi Ago

One response to “La corsa ad attuare la Costituzione…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: