“De visibilitate” (consenso, elezioni, partecipazione)

Che senso ha lamentarsi di non avere avuto visibilità in campagna elettorale, delle difficoltà riscontrate a raccogliere firme, di ostacoli di vario tipo?
E’ ovvio che se si cerca visibilità dove i giochi sono truccati si dovrebbe sapere in anticipo che sarà così, come ugualmente si dovrebbe sapere in partenza che si avranno percentuali elettorali risibili.
L’errore è sempre lo stesso:  cercare di arrivare al popolo (parola di stampo risorgimentale, oggi semanticamente degradata e anch’essa da evitare) attraverso canali sbagliati prima ancora che inutili.

Da molti anni sono convinto che il consenso debba nascere tra la base sociale, al di fuori dei teatrini istituzionali.
Le elezioni, come dico spesso, sono molto più semplici dell’uso politicista a cui, anche chi dovrebbe opporsi, si piega: le elezioni sono il momento in cui si raccoglie il consenso, non dove lo si cerca.

E la visibilità di cui sto amabilmente discorrendo con i miei lettori (molti meno dei venticique manzoniani) non può essere confusa con l’apparire. La vera visibilità politica non è apparire nei talk show o nelle tribune elettorali, sui manifesti o sui giornali.
La vera visibilità è l’essere riconosciuti, nemmeno tanto come leader ma come fidati compagni di viaggio di percorsi che nascano e si sviluppino laddove nasce realmente il consenso, dove si ricostruisce una partecipazione attiva che, non solo non ha nulla a che fare con le attuali fasi elettorali, ma che addirittura in esse trova il suo annullamento, riproponendo una antidemocratica dicotomia tra base sociale e ceti politici/partitici.

E non mi stancherò mai di ripetere che il termine partito è quello espresso dalle venti parole dell’art. 49 della Costituzione.
Rileggiamolo bene insieme: è quello in cui si articolano oggi i ceti politici?
Non esistono forse altri modi che possono esprimere molto più coerentemente lo spirito di quel concetto?

Si aggiunga a questo che molti non si accorgono che siamo entrati in un altro secolo e meno di tutti lo comprendono una grande maggioranza di quanti sono nati, come me, a metà del secolo precedente e che non potranno vedere la metà di quello corrente.
Credo che alcune cose buone le abbiamo tramandate ai posteri ma alcuni di noi hanno anche trasmesso automaticamente prassi, metodologie, concezioni vecchie, senza recepire nulla del futuro che sta arrivando ma anzi creando nuove generazioni di ventenni, trentenni, quarantenni clonati sulla nostra vecchiaia.

E così assistiamo alla messa laica dei triti e ritriti riti politici senza cercare nuovi progetti, nuovi metodi, nuovi strumenti (e anche persone).
E le elezioni diventano terreno di ambizioni personali o una lotteria in cui tentare il colpo grosso, basandosi su slogan o nomi che possano attrarre.
E anche di fronte a ennesimi fallimenti epocali si declama la necessità di riprovarci la prossima volta, nello stesso identico modo: fare una lista, presentare un programma, individuare un leader e chiedere il voto.
E già tutti si stanno mobilitando per le elezioni europee del maggio 2019.

Se nei cinque anni che ci separano dalle precedenti elezioni si fossero ascoltati quanti parlavano di partire da soluzioni nuove, inedite, marxianamente aderenti all’analisi della realtà, con l’uso di metodi nuovi e strumenti tecnologici che li supportassero, forse oggi in Italia  ci sarebbe un movimento nato e cresciuto in modo democratico ed orizzontale in grado di costituire veramente una forza in grado di iniziare a proporsi come vera alternativa di cambiamento, questa volta anche ad elezioni politiche in quanto capace di esprimere il consenso costruito precedentemente.

Ma la distorta concezione delle elezioni, considerate massima espressione di democrazia, paradossalmente le fa diventare di fatto un freno a una crescita democratica.
Anche chi concorda sulla necessità di metodi e strumenti innovativi, appena si avvicinano elezioni è titubante perché il partito/movimento a cui si pensa di partecipare ancora non è arrivato a considerarle necessarie.
Così il progetto si interrompe perché l’urgenza elettorale lo richiede e ci si adatta al già sperimentato (e anche già fallito…).
In questo modo si vive sempre di partenze interrotte e di nuovi eterni inizi.

Oggi occorrerebbe un progetto umile e insieme coraggioso. L’umiltà di non avere ambizioni a breve termine e il coraggio di percorrere strade non ancora battute, tappandosi le orecchie per non sentire le omeriche sirene di vicine elezioni con il loro balenare di talk show, manifesti, santini elettorali, comizi, programmi fantasmagorici, ecc.
“Lavorare con lentezza” recitava un adagio del ’77.
Questo si dovrebbe fare: iniziare un percorso su una strada nuova, lontano da riflettori ma tra e con la base sociale e farlo crescere nei tempi necessari, qualunque essi siano.
Quando sarà il tempo del raccolto lo capiremo da soli, dal cambio di stagione.

Adelante!

Gian Luigi Ago

 

Annunci

Informazioni su Gian Luigi Ago

E' tra i soci fondatori dell'Associazione politica "Primalepersone". Dal 2009 è Presidente dell'Associazione Culturale "Il vizio del pensiero" di cui gestisce il sito web di riflessione e informazione culturale e artistica. Gestisce un blog culturale: gianluigiago.wordpress.com e un blog politico: gianluigiagora.wordpress.com Come cantautore ha composto alcune canzoni che hanno come riferimento la tradizione della canzone d’autore. Ha realizzato due album: "Verso le barricate del futuro" e "Dopostoria" Nel 2013 ha rappresentato, insieme a Claudia Bellucci, l'Italia al Festival Europeo della Canzone d'Autore svoltosi a Vilnius, organizzato dal Ministero della Cultura della Lituania. Insieme a Claudia Bellucci ha realizzato il sito web "Poesia come eresia", sito ufficiale del poeta pesarese Gianni D'Elia. http://www.giannidelia.altervista.org/ Si interessa di teatro, letteratura, musica d’autore italiana, sulla quale ha condotto diverse trasmissioni radiofoniche monografiche su emittenti regionali. Ha pubblicato sul web diversi interventi tematici e critici legati alla musica d’autore. Insieme a Claudia Bellucci e Eugenio Alfano ha realizzato la “Lezione-spettacolo sul Teatro Canzone di Gaber e Luporini”, un’analisi approfondita della genesi, dei meccanismi, delle tematiche, dei riferimenti letterari, filosofici, storici e sociologici che hanno attraversato gli spettacoli di Gaber; la Lezione-spettacolo è stata tenuta in Università, Scuole Superiori, Auditorium, Circoli culturali e Teatri. E’ autore di poesie e monologhi, tra cui quelli dello spettacolo “In direzione ostinata e contraria”, dedicato a Fabrizio De Andrè, realizzato e portato in scena, sotto la sua direzione artistica, insieme a Giulio D'Agnello. Ha scritto lo spettacolo "La stessa rabbia, la stessa primavera" dedicato a Fabrizio De Andrè, portato in scena con il cantautore Massimo Blaco, Claudia Bellucci e Veronica Balzani. Ha realizzato e portato in scena, insieme a Claudia Bellucci, Massimo Blaco e Pino Nastasi, il concerto "Appunti sulla canzone d'autore" con canzoni di musica d'autore italiana Ha realizzato con il gruppo “Compagni di viaggio”, con cui collabora come cantante e chitarrista, lo spettacolo “I sentieri di Utopia” con canzoni di lotta, impegno e speranza e il concerto "No, è un ukulele" con classici della canzone arrangiati per ukulele. E’ presente su Facebook, Twitter e Myspace con il suo account personale e con quello dell’Associazione Culturale “Il vizio del pensiero” Sito web personale: www.agocanzonedautore.altervista.org Siti musicali YouTube: - Gian Luigi Ago Video _ Dopostoria Gian luigi Ago CONTATTI: Email: ago.gianluigi@libero.it Vedi tutti gli articoli di Gian Luigi Ago

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: