M5S, Rousseau, ipocrisia

base sito

La decisione del M5S di consultare gli attivisti sulla piattaforma Rousseau, per decidere se concedere o meno l’immunità parlamentare a Salvini è quella che tecnicamente si chiama “paraculata” condita da ipocrisia e ignoranza della Costituzione.

Il M5S è un partito (non certo un movimento) che ha la stragrande maggioranza in Parlamento, che è al governo con un Vicepresidente del Consiglio e numerosi Ministri. Nel momento in cui hanno fortemente voluto governare, hanno ricevuto dal Presidente della Repubblica l’incarico di governare.

Questo verbo significa una cosa precisa: avere il potere esecutivo delle scelte del Parlamento e prendere delle posizioni politiche. Assurdo chiedere una consultazione che avrebbe senso se fossimo in una democrazia diretta o, meglio ancora, liquida.
Ma si dà il caso che, partecipando alle elezioni e accettando l’incarico di governo, loro devono rispettare le regole costituzionali e istituzionali.
Devono, per dirlo in parole povere, decidere, fare delle scelte, assumersi responsabilità.

Anche guardando solo alla loro organizzazione interna, siamo di fronte a una parodia della democrazia diretta. Un partito con milioni di voti, il primo partito d’Italia, non fa proporre, emendare altre proposte, decidere e votare milioni di persone ma solo un migliaio di persone, su una piattaforma gestita (e controllata) dalla Casaleggio Associati e che anche molti esponenti del Partito 5Stelle cominciano a guardare con sospetto.
Il M5S è un partito padronale, ha un Capo Politico che non mi pare abbia chiesto pareri alla piattaforma Rousseau  su altre iniziative le cui decisioni sono state prese nelle segrete stanze, come nella migliore tradizione delle precedenti Ka$te.

La decisione non sarebbe nemmeno vincolante né dovrebbero essere espulsi, come già successo, coloro che votassero contro la decisione presa tramite Rousseau. Perché, che piaccia o no, l’art. 67 della Costituzione è ancora vigente.

Questa manovra altro non è quindi che una paraculaggine, un alibi, uno scaricare su un migliaio di persone la responsabilità della scelta per nascondersi dietro un eventuale no e non avere vigliaccamente il coraggio di assumere una scelta politica.

Si ricordi, per inciso, che mandare davanti ai giudici Salvini, non è ammettere che sia colpevole ma lasciare la scelta alla Magistratura, unica a potere decidere su questo.
Si tratta solo di dire se Salvini abbia fatto quella scelta per un superiore interesse nazionale o meno. Difficile pensare che lasciare 180 persone, tra cui donne e bambini bisognosi di cure, giorni e giorni in mano fosse indispensabile per l’interesse nazionale.
Solo chi fosse in malafede potrebbe affermare che, se quelle persone fossero state sbarcate, il superiore interesse nazionale sarebbe stato in pericolo.
Per di più erano già in territorio italiano perché la nave Diciotti è della Marina Militare e quindi chi era a bordo era già in territorio italiano.

Un’altra brutta pagina di questo governo, secondo solo a quello di Mussolini.

Gian Luigi Ago

Annunci

Informazioni su Gian Luigi Ago

E' tra i soci fondatori dell'Associazione politica "Primalepersone". Dal 2009 è Presidente dell'Associazione Culturale "Il vizio del pensiero" di cui gestisce il sito web di riflessione e informazione culturale e artistica. Gestisce un blog culturale: gianluigiago.wordpress.com e un blog politico: gianluigiagora.wordpress.com Come cantautore ha composto alcune canzoni che hanno come riferimento la tradizione della canzone d’autore. Ha realizzato due album: "Verso le barricate del futuro" e "Dopostoria" Nel 2013 ha rappresentato, insieme a Claudia Bellucci, l'Italia al Festival Europeo della Canzone d'Autore svoltosi a Vilnius, organizzato dal Ministero della Cultura della Lituania. Insieme a Claudia Bellucci ha realizzato il sito web "Poesia come eresia", sito ufficiale del poeta pesarese Gianni D'Elia. http://www.giannidelia.altervista.org/ Si interessa di teatro, letteratura, musica d’autore italiana, sulla quale ha condotto diverse trasmissioni radiofoniche monografiche su emittenti regionali. Ha pubblicato sul web diversi interventi tematici e critici legati alla musica d’autore. Insieme a Claudia Bellucci e Eugenio Alfano ha realizzato la “Lezione-spettacolo sul Teatro Canzone di Gaber e Luporini”, un’analisi approfondita della genesi, dei meccanismi, delle tematiche, dei riferimenti letterari, filosofici, storici e sociologici che hanno attraversato gli spettacoli di Gaber; la Lezione-spettacolo è stata tenuta in Università, Scuole Superiori, Auditorium, Circoli culturali e Teatri. E’ autore di poesie e monologhi, tra cui quelli dello spettacolo “In direzione ostinata e contraria”, dedicato a Fabrizio De Andrè, realizzato e portato in scena, sotto la sua direzione artistica, insieme a Giulio D'Agnello. Ha scritto lo spettacolo "La stessa rabbia, la stessa primavera" dedicato a Fabrizio De Andrè, portato in scena con il cantautore Massimo Blaco, Claudia Bellucci e Veronica Balzani. Ha realizzato e portato in scena, insieme a Claudia Bellucci, Massimo Blaco e Pino Nastasi, il concerto "Appunti sulla canzone d'autore" con canzoni di musica d'autore italiana Ha realizzato con il gruppo “Compagni di viaggio”, con cui collabora come cantante e chitarrista, lo spettacolo “I sentieri di Utopia” con canzoni di lotta, impegno e speranza e il concerto "No, è un ukulele" con classici della canzone arrangiati per ukulele. E’ presente su Facebook, Twitter e Myspace con il suo account personale e con quello dell’Associazione Culturale “Il vizio del pensiero” Sito web personale: www.agocanzonedautore.altervista.org Siti musicali YouTube: - Gian Luigi Ago Video _ Dopostoria Gian luigi Ago CONTATTI: Email: ago.gianluigi@libero.it Vedi tutti gli articoli di Gian Luigi Ago

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: